Tutorial > Come creare un sistema di Videoconferenza con Jitsi Meet su Ubuntu 18.04

Come creare un sistema di Videoconferenza con Jitsi Meet su Ubuntu 18.04

Pubblicato il: 29 marzo 2020

Smart Working Ubuntu Videoconferenza

Jitsi Meet è un'applicazione open source che permette di realizzare videoconferenze in maniera gratuita e sicura, grazie anche alla connessione criptata di tipo HTTPS. Il client di Jitsi Meet può essere installato su qualsiasi dispositivo e sistema operativo e rende quindi possibile organizzare riunioni online per lavorare insieme da remoto, senza alcun limite di utenti connessi.

In questo tutorial imparerai a installare Jitsi Meet sul tuo server Ubuntu 18.04 per poter fornire una soluzione di videoconferenza a chiunque abbia necessità di lavorare in smart working e desideri realizzare video chiamate in autonomia, senza doversi appoggiare a servizi di terze parti come Skype for Business, Microsoft Teams, Cisco WebEx o Zoom.

Prerequisiti

Per iniziare dovrai innanzitutto connetterti al tuo server tramite una connessione SSH. Se non l’hai ancora fatto, ti consigliamo di seguire la nostra guida per connetterti in sicurezza con il protocollo SSH. In caso di server locale puoi passare al punto successivo e aprire direttamente il terminale.

Per seguire le istruzioni contenute in questo tutorial è necessario inoltre essere in possesso delle credenziali dell’utente root oppure di un qualsiasi altro utente con i privilegi di amministrazione (che possano eseguire sudo).

Impostazione Hostname e Fully Qualified Domain Name (FQDN)

È necessario impostare un hostname ed il FQDN per il tuo server prima di poter abilitare una connessione HTTPS. Digita quindi:

sudo hostnamectl set-hostname jitsimeet
sudo sed -i 's/^127.0.0.1.*$/127.0.0.1 jitsimeet.miodominio.com jitsimeet/g' /etc/hosts

N.B. Sostituisci jitsimeet.miodominio.com con il nome del dominio in tuo possesso. Ricordati che dovrai modificare prima i DNS per far puntare il sottodominio dedicato al servizio Jitsi Meet all’indirizzo IP del tuo server.

A questo punto devi aggiungere delle regole al firewall UFW per permettere la comunicazione HTTP, HTTPS, SSH e il traffico UDP per le porte dalla 10000 alla 20000.

sudo ufw allow OpenSSH
sudo ufw allow http
sudo ufw allow https
sudo ufw allow in 10000:20000/udp
sudo ufw enable

Un messaggio ti avviserà che le seguenti istruzioni potrebbero eliminare l'attuale connessione: prosegui comunque, digitando Y e premendo Invio.

Per verificare lo stato di UFW digita il seguente comando tramite il quale saranno mostrate le regole aggiunte:

sudo ufw status
Regole del Firewall
Regole attive nel Firewall

Aggiornamento del sistema

Per questioni di sicurezza, è necessario effettuare un aggiornamento di Ubuntu alle ultime versioni disponibili dei pacchetti. Digita quindi:

 sudo apt update -y
 sudo apt upgrade -y
 sudo shutdown -r now

Installazione di OpenJDK

Jitsi Meet richiede Java Runtime Environment. Installa quindi la versione 8 con il comando preposto.

sudo apt install -y openjdk-8-jre-headless

Devi inoltre impostare Java tra le variabili d’ambiente.

echo "JAVA_HOME=$(readlink -f /usr/bin/java | sed "s:bin/java::")" | sudo tee -a /etc/profile
source /etc/profile
Variabile d'ambiente di Java
Aggiunta Java a Variabili d’ambiente

Installazione di NGINX

Prima di installare Jitsi Meet è consigliato installare il web server NGINX o in alternativa Apache. Tuttavia non dovrai configurarlo tu stesso in quanto Jitsi Meet lo riconoscerà e lo configurerà automaticamente al meglio. Con i seguenti comandi installerai e abiliterai NGINX:

sudo apt install -y nginx
sudo systemctl start nginx.service
sudo systemctl enable nginx.service

N.B. Qualora decidessi di non installare Nginx (o Apache), verrà automaticamente installato Jetty da parte di Jitsi Meet.

Installazione di Jitsi Meet

A questo punto il tuo server ha tutti i requisiti per l'installazione di Jitsi Meet. Per farlo puoi semplicemente eseguire questi comandi i quali provvederanno a scaricare la chiave di autenticazione, aggiungere il repository, scaricare il software e installarlo.

Download certificato:

wget -qO - https://download.jitsi.org/jitsi-key.gpg.key | sudo apt-key add -

Aggiunta repository:

sudo sh -c "echo 'deb https://download.jitsi.org stable/' > /etc/apt/sources.list.d/jitsi-stable.list"

Aggiornamento pacchetti e installazione:

sudo apt update -y && sudo apt install -y jitsi-meet
Download di Jitsi Meet
Aggiunta repository Jitsi Meet e Installazione

Quando ti chiederà l’inserimento dell’hostname inserisci quello fornito in precedenza: in questo tutorial è stato utilizzato “jitsimeet.miodominio.com”. Seleziona “OK” e premi Invio.

Selezione dominio per ; installazione di Jitsi Meet

Quando ti chiederà il certificato SSL seleziona “Generate a new self-signed certificate (You will later get a chance to obtain a Let's Encrypt certificate)”, quindi vai su “OK” e premi Invio.

Bisogna ora avviare un ultimo script per applicare il certificato SSL. Digita quindi:

sudo /usr/share/jitsi-meet/scripts/install-letsencrypt-cert.sh

Ti verrà chiesto infine di inserire l’indirizzo email al quale ricevere le notifiche legate al certificato SSL.

Creazione di una videoconferenza

A questo punto Jitsi Meet risulta correttamente installato sul tuo server e potrai utilizzarlo per organizzare la tua prima videoconferenza.

Con il tuo browser puoi recarti al dominio precedentemente impostato (nel nostro caso si tratta di “jitsimeet.miodominio.com”) e accedere a Jitsi Meet Video. 

Per creare una nuova videoconferenza ti basterà cliccare su “Go”e condividere l’URL generato con le persone con le quali vuoi effettuare la videochiamata:

Vista di Jitsi Meet

Puoi decidere limitare l'accesso tramite link alla videoconferenza aggiungendo una password di protezione alla sessione. 

Come avviene con altre applicazioni, è inoltre possibile condividere con gli altri partecipanti lo schermo del proprio computer o un’applicazione specifica. 

Tra le funzionalità aggiuntive più interessanti troviamo anche la possibilità di trasmettere la videoconferenza in diretta su YouTube e quella di registrare la sessione, caricandola sul proprio account Dropbox.

Se preferisci non procedere con l’installazione manuale illustrata in questo tutorial, ma vuoi comunque sfruttare i vantaggi di avere un sistema di videoconferenza installato sul tuo server, puoi scegliere il template dedicato a Jitsi Meet su CentOS 8 direttamente in fase di configurazione di un nuovo server Cloud Pro di Aruba Cloud.